Si è verificato un errore nel gadget
Un pò di cose, idee, opinioni e fotografie.. un posto per me e per voi!! Benvenuti e buona lettura!

A lot of things, ideas, opinions and pictures.. a place for me and for you!! Welcome and good reading!


Un montón de cosas
, ideas, opiniones y fotos .. un lugar para mí y para ti! Bienvenidos y feliz lectura!


Marta

lunedì 28 febbraio 2011

A Carnevale.. ogni maschera vale!

Anche questo mese è arrivato alla fine.
Come sempre mi ritrovo a fare mentalemente il check di quello che mi è successo, di quello cho ho passato.
Gli altri anni già avevamo superato il Carnevale, con le feste e i coriandoli, le maschere e i dolci mentre quest'anno, ancora dobbiamo esserne del tutto coinvolti.
Ma che cos'è questa festa e perchè si festeggia??
Parlando a livello nozionistico significa abolire la carne, perche' anticamente indicava il banchetto d'addio alla carne che si teneva subito prima della Quaresima. La parola indica un periodo particolare dell'anno, in cui si svolgevano fin dall'antichità riti e tradizioni.
In seguito la festa si è sviluppata rivestendo un'importanza fondamentale al suo interno e nel suo immaginario collettivo: la fantasia, l’energia, la spontaneità e le creatività popolari hanno trovato espressione simbolica che va ben al di là della semplice festa.
Infatto si sviluppa il Carnevale come "festa del popolo", il luogo del riso e della follia, dello scherzo, della materialità e dell’abbondanza. Nella festa vige la più assoluta libertà e tutto è "lecito". Tutti si spogliano della loro individualità per fondersi e confondersi nella mischia della festa.
 
Oggi è una festa celebrata in quasi tutto il mondo, in forme a dire il vero anche molto diversificate; si celebra nei paesi di tradizione cristiana. Carnevale è da sempre la festa dei bambini, ma coinvolge anche gli adulti. Anzi, forse è il modo per i grandi di ritornare bambini, allegri e spensierati, approfittando per giustificare l'allegria e le stramberie.
Tradizionalmente nei paesi cattolici, il Carnevale ha inizio con la Domenica di Settuagesima; finisce il martedì precedente il Mercoledì delle Ceneri che segna l'inizio della Quaresima. La durata è perciò di due settimane e due giorni.
Ma i veri protagonisti del Carnevale da sempre sono le Maschere, in particolare quelle classiche. Pare che la più antica sia Arlecchino, originario di Bergamo. Da Venezia venne la maschera di Pantalone e da Napoli Pulcinella, seguiti dal Dottor Balanzone di Bologna. Gli altri famosi personaggi del Carnevale italiano vengono da Torino (Gianduia), da Firenze (Stenterello), da Bergamo ancora (Brighella) e da Venezia l'unico personaggio femminile più famoso che è Colombina.
Il Carnevale di Venezia, il Carnevale di Viareggio e lo Storico Carnevale di Ivrea sono considerati tra i più importanti al mondo.Il Carnevale di Venezia è conosciuto per la bellezza dei costumi, lo sfarzo dei festeggiamenti nella magica atmosfera della Laguna e consta di diversi giorni fitti di manifestazioni di svariato tipo: mostre d'arte, sfilate di moda, spettacoli teatrali etc. Il Carnevale di Viareggio è uno dei più importanti e maggiormente apprezzati carnevali a livello internazionale.

sabato 26 febbraio 2011

Spot su NINA GARCIA

E' interessante vedere come molte delle cose fondamentali passino per la MODA e lo STILE. In questi giorni sono bombardata dalle immagini delle passerelle milanesi ma anche dai preparativi per la Notte degli Oscar.
Vestiti, scarpe, scarpe, accessori, vestiti e giacche, tutto è messo sottosopra, anche per la quantità di programmi televisivi di moda che affollano i palinsesti.
E proprio da uno di questi programmi, ho preso lo spunto per questo post.

Voglio simpaticamente puntare il dito contro una donna di moda e amante della moda: NINA GARCIA, una delle più famose fashion editor del mondo, che ha lavorato con Elle e Marie Clare, nonchè giudice nel programma televisivo Project Runway.
Mi piace perchè è sempre sobria, a volte castigata ed emana una "fragranza di eleganza" davvero impeccabile. Mai fuori luogo o sotto tono, riesce con poco trucco ed un sorriso genuino a catturare l'attenzione, senza indossare abiti troppo stravaganti o pomposi.
Sarà per questo o per una dote innata, che ha scritto con successo "Il libro nero dello stile", ovvero “The Little Black Book of Style”, un  manuale per scoprire i segreti della vera eleganza; in fondo è un divertente e ironico excursus sul mondo FASHION, con l’obiettivo di aiutare ogni donna a trovare il proprio stile.
Il manuale non è noioso, ma racconta come cento pezzi, tra abiti e accessori (raccolti in ordine alfabetico), possono rendere una donna veramente di classe e elegante in ogni circostanza. Cento classici che con consigli di stile e suggerimenti, ma anche esortati all'essere personalizzati (lasciando la propria firma su ogni look), diventano uno strumento per giocare con la moda, per mixare e rendere la vita elegante ma anche un pò sopra le righe, come tutte noi vorremmo essere!!


Ps: Aspetto il momento giusto e poi, anche questo bel libro, potrà entrare a far parte dlla mia libreria!!! Sicuramente non mi farà diventare migliore (almeno nell'abbigliamento), ma mi darà qualche consiglio, per dimezzare le volte in cui posso dire: "ED ORA, COSA MI METTO??"

Interessante da consultare: http://www.ninagarcia.com/

giovedì 24 febbraio 2011

Arte a Roma: Mostre

Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea - GNAM
Dante Gabriel Rossetti Edward Burne Jones e il mito dell'Italia nell'Inghileterra vittoriana
Fino al 12/06/2011

Oltre cento opere provenienti da collezionisti privati e musei internazionali. Il fulcro della mostra sarà rappresentato dai preraffaelliti Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones, William Morris; un aspetto della mostra sarà sul rapporto tra le opere inglesi e i modelli italiani, che ne hanno costituito il modello iconografico.


Palazzo delle Esposizioni
Fino al 01/05/2011

Con le immagini realizzate da alcuni grandi fotografi, è stato costruito un percorso fotografico che, attraverso i colori, racconta la vita sulla Terra.
Rosso: colore della terra; verde: della speranza; bianco: dell'innocenza, contiene i sette colori dell'iride; azzurro: il colore dell'acqua e del cielo.

                                              
Chiostro del Bramante
Fino al 10/04/2011

Karl Lagerfeld. Percorso di lavoroE' chiamato il Kaiser dell'alta moda, Karl Lagerfeld, afferma che la fotografia è parte della sua vita. Attraverso gli scatti di molte campagne pubblicitarie, ritratti di personaggi noti, servizi fotografici e l'amore per Parigi, sua città d'adozione. Ma anche scatti sul mondo privato, esponendo ciò che il suo occhio ha catturato.
                                            

Anche io ho un Progetto Felicità..

E’ molto tempo che non metto mano al mio blog. Ci sono a volte troppe cose che penso mi prendano tempo e dico: lo faccio, lo scrivo.. ma poi diventa tutto al futuro: lo farò.. lo scriverò!!

Sto leggendo un libro che si chiama PROGETTO FELICITA’ e l’autrice, evidenzia tanti punti che possono giorno per giorno, rendere una persona un pò più felice, una felicità momentanea che poi si può e si deve spalmare ogni giorno. Piccoli consigli base da applicare giornalmente.
Uno dei punti del libro, parla di come crearsi o meglio, ritagliarsi un pò di tempo per se e per le cose che ci piacciono fare. Ho deciso di aprire un blog tempo fa? Allora devo essere in grado di gestirlo, dare un pò del mio tempo a lui o meglio, a voi e, raccontarvi quello che succede, come sto, quello che penso.
Mi piacerebbe però avere anche dei riscontri con i miei lettori e capire se quello che sto facendo  lo sto facendo bene o almeno, come ognuno di voi si aspetta che possa essere.

ESISTE UN PROGETTO FELICITA’??
Gretchen Rubin dettaglia nelle sue pagine quello che vuole realizzare e come fare per realizzarlo. Ha studiato molto e si è impegnata con molta fatica (e tanta buona volontà) per dividere ogni mese con un "progetto", cercando di capire i punti focali e portare avanti la missione, prima solo per il periodo deciso, poi per tutta la sua vita. Anche io sto cercando di applicare un pò dei suoi consigli al mio quotidiano e quello di rimettere mano al blog, è già un passo avanti.
Dovrei davvero tentare di realizzare queste piccole cose con spontaneità, come realmente sono: sorridere di più, cantare, non aspettarsi lodi, lasciar correre, non pensare al risultato ma al percorso..

Ho scoperto che mia madre legge tutti i giorni articoli di medicina: la cosa mi ha stranito perchè lei è molto impegnata e tal volta, anche un pò schizzinosa. Invece, ho trovato sul suo comodino una pila di articoli medici, che legge e cerca di comprendere ogni sera, per interagire con una cosa nuova ma anche per sentirsi un pò più protetta, nel caso avesse dei sintomi riconoscibili; sto apprezzando molto un'amica che restia all'attività fisica, si è iscritta in palestra e continua da diversi mesi ad andarci assiduamente; invidio e stimo tutte quelle persone che SI GODONO L'ATTIMO, che sono felici in questo momento e cercano di trascinare l'entusiasmo nel futuro, senza farsi troppe domande sui se.. sui ma..
Ed io che faccio??
Presa da un raptus ho iniziato ad applicare i consigli della "mia nuova amica Gretchen":
_ ho aperto l'armadio e iniziato a buttare molte cose che non metto da almeno un paio d'anni (inutile tenerle con la speranza che la moda torni);
_ metto la sveglia 10 minuti prima la mattina per fare degli esercizi ginnici, in modo da sentirmi energica, rilassata e non in colpa per la prossima prova costume;
_ canto anche se non conosco le parole, perchè alla fine l'importante è crederci;
_ cerco di rimanere abbracciata a qualcuno di speciale per almeno 6 secondi, perchè dicono sia il tempo minimo per far mandare in circolo le endorfine e sentirsi meglio;
_ conto almeno fino a 5 prima di rispondere, così posso dire le cose anche senza aggressività, ma pensandoci solo un poco di più;
_ ho trascritto la stessa lista che l'autrice mette sul libro, attaccandola sull'armadio, tanto per avere un memorandum ogni volta che ci passo davanti:
    - Sii Marta
    - Lascia correre
    - Comportati come vorresti sentirti
    - Non rimandare
    - Sii cortese e leale
    - Goditi l'attimo
    - Usa e spendi senza riserve
    - Individua il problema
    - Sorridi
    - Fà quello che devi fare
    - Niente calcoli
    - C'è soltanto amore.
Così, oggi ho fatto quello che dovevo fare (scrivere il mio blog), sorriso, mi sono goduta ogni attimo mentre scrivevo, mi sono comportata sinceramente, come volevo farlo quindi, sono stata Marta..
Bhè direi che già sono un passo avanti.. se solo tutte le giornate fossero così!
E voi, ce l'avete un PROGETTO FELICITA'??


Cosa cercate?

amore (12) arte (44) bambini (16) benvenuto (4) cocktail (2) cucina (15) cuore (16) donna (11) emotion (42) family (6) fantasia (33) fashion (48) film (9) fotografia (15) futuro (3) gossip (2) io (1) letture (23) life (87) love (2) me (1) moda (64) mostre (22) movie (5) musica (16) passione (22) pensieri (63) Roma (36) rosso (10) stile (9) twitter (2) viaggi (4) vintage (4) vita (1)