Si è verificato un errore nel gadget
Un pò di cose, idee, opinioni e fotografie.. un posto per me e per voi!! Benvenuti e buona lettura!

A lot of things, ideas, opinions and pictures.. a place for me and for you!! Welcome and good reading!


Un montón de cosas
, ideas, opiniones y fotos .. un lugar para mí y para ti! Bienvenidos y feliz lectura!


Marta

martedì 26 aprile 2011

Generazione 1000 euro: visione pasquale

Pasquetta bagnata.. Pasquetta di relax!
 
Forse non è stata la giornata che si aspettavamo, ma l'abbiamo passata nel modo migliore per noi.
Sveglia tardi, pranzo abbondante con i resti della domenica, tv, divano, caffè, musica, merenda, tv.. Insomma, tutto il confort e il rilassamento che non si ha normalmente durante la settimana lavorativa. Così, ci siamo concessi anche un film.
 
GENERAZIONE 1000 EURO
REGIA: Massimo Venier
SCENEGGIATURA: Massimo Venier, Federica Pontremoli
ATTORI: Alessandro Tiberi, Valentina Lodovini, Carolina Crescentini, Paolo Villaggio, Francesco Mandelli, Francesca Inaudi..
 
E' la storia di un 30enne, Matteo, brillante laureato con la passione per la matematica, lavora nel marketing di un’azienda, ma non è soddisfatto di quello che fa e di come viene trattato "contrattualmente parlando". Divide la vita e la casa con il suo migliore amico Francesco, anche lui 30enne con poche ambizioni, se non giocare alla playstation e la passione per il cinema.
Tra alti e bassi, l'affitto e le serate la vita dei due giovani va.. fino all'arrivo in ufficio di un nuovo vice direttore marketing, Angelica, e quello, in casa, di una nuova coinquilina, Beatrice. Da qui la storia cambia. Novità e scelte si metteranno sulla strada di Matteo. Con tante novità e grandi scelte da fare, Matteo, riuscirà in poco tempo a cambiare completamente la sua vita: ma non solo la sua. Tutti quelli che verranno a contatto con lui, ne saranno contagiati (in senso positivo e negativo).
 
Una visione un pò amara ma del tutto reale del NOSTRO MONDO, quelli di chi per sopravvivere si accontenta di quello che capita, perchè "il treno passa una volta sola" e non si può rischiare. Se c'è da pagare l'affitto e le bollette, se si vuole mettere da parte qualcosa per il FUTURO (ma il futuro, non dovrebbe essere ADESSO??), bisogna anche chinare la testa, senza dimenticare però chi si è e quello che si vorrebbe fare.
Il punto forte del film sono i personaggi, che sono simpatici e con cui è facile immedesimarsi: quattro protagonisti riescono a trasmettere emozioni e sensazioni sempre differenti: c’è l’eterno pessimismo “matematico” di Matteo che però non si trasforma mai in rassegnazione; c’è la tenacia, la grinta e l’ottimismo di Beatrice; c’è la lieve freddezza di Angelica; c’è la scanzonata indifferenza nei confronti della vita di Francesco; c’è l'ironia del buffo Faustino, collega di Matteo; ed infine c’è la malinconia dei tempi ormai passati del Professore, interpretato da un saggio Paolo Villaggio.
 
Forse un film scontato "dall'happy end", ma sicuramente va visto per guardare dal di fuori la situazione attuale. Io mi sono immedesimata in alcune situazioni e a denti stretti, ho sorriso per le disavventure dei protagonisti. Sorriso perchè dentro ognuno di loro, c'è un pezzo di noi, di quei trentenni eternamente sulla soglia della maturità, in attesa di poter fare ingresso in una vita adulta che si allontana sempre più.
 
Sapore agrodolce per me, ancora innamorata dei sogni e della voglia di sbancare il lunario!

1 commento:

  1. purtroppo credo che dovremo confrontarci ancora per un bel po' con questa situazione lavorativa che non ci permette di fare progetti molto impegnativi... :(

    RispondiElimina

Cosa cercate?

amore (12) arte (44) bambini (16) benvenuto (4) cocktail (2) cucina (15) cuore (16) donna (11) emotion (42) family (6) fantasia (33) fashion (48) film (9) fotografia (15) futuro (3) gossip (2) io (1) letture (23) life (87) love (2) me (1) moda (64) mostre (22) movie (5) musica (16) passione (22) pensieri (63) Roma (36) rosso (10) stile (9) twitter (2) viaggi (4) vintage (4) vita (1)