Si è verificato un errore nel gadget
Un pò di cose, idee, opinioni e fotografie.. un posto per me e per voi!! Benvenuti e buona lettura!

A lot of things, ideas, opinions and pictures.. a place for me and for you!! Welcome and good reading!


Un montón de cosas
, ideas, opiniones y fotos .. un lugar para mí y para ti! Bienvenidos y feliz lectura!


Marta

martedì 28 febbraio 2012

I clichè sui giovani


Ero in metropolitana stamattina e pensavo come la gente si fidi e si avvalga dei clichè.
Siamo così sicuri di noi (o facciamo finta di esserlo) che cerchiamo di "condividere" su un luogo, un oggetto, un avvenimento.. Per quanto sia un concetto astratto e schematico, neutrale, positivo o negativo, talvolta rispecchia l'opinione di un gruppo riguardo altro/altri.

Mi sono fermata ad ascoltare quello che dicevano due avvenenti signore ingioiellate dietro di me e ho pensato all'effetto "caricatura" che davano alla situazione.
Si parlava di bamboccioni, di noi giovani italiani che usciamo di casa tardissimo per inettitudine o per un particolare "amore della Mamma".
Ma quanto potrà reggere questa immagine distorta a fronte della crisi economica e del continuo peggiorare della condizione giovanile nel nostro paese, che determineranno probabilmente un ulteriore innalzamento dell’età dell’uscita di casa? A giudicare da quello che si sente in giro (dai tg alla pagina stampata..) “a pagare la crisi sarà soprattutto la fascia 15-29”.
Le due signore parlavano animatamente di come "questi ragazzi siano abituati ad avere tutto, non credono nei sacrifici e sempre più spesso oziano alla faccia di mamma e papà. Io le guardavo dal riflesso del finestrino e ho iniziato a pensare a quanto potessero essere frustrate. Certo, anch'io sono caduta nello stereotipo nel pensare che "hai più di 40anni, vai vestita come una 20enne e non hai neanche la fede.. forse quellaa triste sei tu, non chi come me ogni mattina si sveglia per fare un lavoro che non è quello che ha sognato e per il quale ha studiato, che forse dopo la mattina ci saranno altri lavori da fare nel pomeriggio.. ma che nonostante ciò, sono serena."

E già.. purtroppo l'idea che si ha oggi dei giovani è in decadenza.. Infatti sembra quasi che siamo divenuti impopolari. Bersaglio di battute acide e ironiche: i "bamboccioni", incapaci di crescere, di assumersi responsabilità, di conquistarsi l'autonomia. I giovani. Fino a ieri simbolo del futuro, del progresso, del domani che è già qui. Motore dell'economia: consumo e consumatori. Sono passati di moda, molto in fretta. 
Perchè alla fine sono LORO che vogliono farci apparire così. Un vice-ministro ha definito "sfigati" gli studenti che, a 28 anni, non si sono ancora laureati. Mentre il Presidente del Consiglio ha affermato che i giovani devono scordarsi il lavoro fisso a vita. Perché, fra l'altro, è "monotono". E la ministra ha recriminato sui giovani che pretendono "il posto fisso nella stessa città, vicino a mamma e papà".